andergr@und.it      Home IndipendenteMente Interviste Walter Fontana

Walter Fontana

E-mail Stampa PDF

Dopo qualche anno lontano dai riflettori Walter Fontana, ex leader dei Lost, comincia ufficialmente la sua nuova avventura come solista. Lo scorso maggio uscito il suo primo disco, "Sono qui", anticipato dal singolo "Perfetto"

Conclusa la fortunitissima avventura con i Lost e dopo un periodo di lontananza dalle scene durato qualche anno, Walter Fontana torna sulle scene con un disco tutto suo, "Sono qui", il suo primo lavoro da solista, che disponibile dallo scorso 13 Maggio in tutti i negozi fisici e digitali, distribuito da Universal Music Italia su etichetta discografica Accademia Edizioni Musicali.

Ci che pi ha influenzato la realizzazione di questo mio nuovo album stata la consapevolezza di quello che sono oggi. In questi anni di assenza dal panorama musicale, mi sono messo a nudo per poter crescere come artista e come persona. Ho riversato nelle mie canzoni tutte le esperienze fatte cercando di non mettere alcun limite alla creativit, lavorando con grande trasparenza. E stata unevoluzione naturale, intensa e piena di sorprese

L'album stato anticipato da due singoli, "Blu Cobalto", un primo assaggio che Walter ha voluto regalare ai suoi fan nel 2013, il cui videoclip ufficiale stato girato a Londra con la regia di Gabriele Paoli, e pi recentemente, "Perfetto", di cui potete vedere il video qui sotto, diretto da Vittorio Brumotti. Ma le collaborazioni prestigiose non finiscono qui. Infatti, oltre al contributo fondamentale di Placido Salamone, produttore dell'album, "Sono qui" vanta anche la partecipazione di Giovanni Caccamo e del rapper inglese Jethro Sheeran.

Dal punto di vista del sound non so come definire questo mio nuovo album, forse pop ma allinterno c tutto quello che amo e che mi ha influenzato fino a qui: , rock, acustica, elettronica, RnB. Il tutto impreziosito dalle collaborazioni con Giovanni Caccamo, Jethro Sheeran e soprattutto Placido Salamone, il produttore che mi ha seguito e guidato nella fase di creazione delle canzoni, e che riuscito a far emergere le mie qualit per intrappolarle allinterno del disco

Ma senza dilungarci oltre abbiamo chiesto a Walter cdi raccontarci che cosa successo in questo periodo sabbatico che si preso, del disco naturalmente, del suo rapporto con la musica e coi fan e dei suoi progetti futuri.

Intervista a cura di Dan

 

Ciao Walter, benvenuto su andergraund. A parte alcune apparizioni episodiche, da quando si conclusa la tua fortunata esperienza coi Lost sei stato un po' di tempo defilato e lontano dalle scene. Quanto stato necessario prendere una boccata d'aria e fermarsi a riflettere sul tuo percorso come artista dopo tutto quel condensato di emozioni e di avvenimenti che stata l'esperienza coi Lost? Cosa hai fatto in questo periodo?

Ciao. S, dopo unesperienza cos importante come quella con i Lost, avevo bisogno di staccare la spina e allontanarmi dai riflettori. Dovevo riprendere fiato, capire chi ero e cosa volevo diventare. Sono tornato a Vicenza, ho riallacciato i rapporti con i miei vecchi amici, mi sono riavvicinato alla mia famiglia e ho viaggiato molto. Dovevo tornare a vivere la vita nella sua semplicit.

Non hai mai avuto paura che i tuoi fan e tutti i ragazzi che vi avevano seguito assiduamente nel corso degli anni avessero potuto "dimenticarsi" di te? Di sicuro stata una scelta commercialmente azzardata, ma evidentemente in quel momento avevi messo davanti altre priorit personali

La mia priorit in quel momento era prendermi cura di me stesso. Credo sia stata la decisione giusta per poter crescere, migliorare e scrivere. Non mi mai piaciuto ripetermi, amo la sfida anche se questo significa rischiare e fare delle scelte apparentemente azzardate.

Rimanendo sul tema, il tuo/vostro rapporto col pubblico sempre stato molto diretto. Anche ora che hai intrapreso la tua carriera da solista, per il lancio del singolo "Blu Cobalto" ad esempio hai deciso di organizzare dei live esclusivi proprio a casa di alcuni fan. Ed bello che sia cos, perch se non fosse per la gente il "mestiere" dell'artista non avrebbe molto senso. Ma non ci sono mai stati dei momenti in cui hai sofferto di questa tua condizione di vivere costantemente sotto i riflettori?

Fa parte del mio lavoro. La cosa pi importante per affrontare tutto rimanere con i piedi ben ancorati a terra e questo ti permette di non perderti.

I Lost sono stati tra i pionieri di pionieri di Myspace, probabilmente siete stati uno dei primi fenomeni musicali nati grazie al web e ai social. A distanza di anni che rapporto hai con questo mezzo?

Non ho mai smesso di utilizzare il web. E uno strumento molto importante che mi ha sempre permesso di tenere uno stretto contatto con le persone che ascoltano la mia musica. Certo, rispetto al periodo myspace, dove il web era ancora agli inizi, ora c po' saturazione e devi essere ancora pi intelligente e bravo a capire come distinguerti dalla massa.

Veniamo al motivo principale di questa chiacchierata, ovvero l'uscita di "Sono qui", il tuo primo album come Walter Fontana. Cosa rappresenta per te questo disco? Immagino che sia una sorta di secondo inizio. Il titolo stesso sembra proprio una presa di posizione chiara per dire "Ci sono ancora!

Sono qui ripercorre i miei ultimi 5 anni. Tutte le esperienze fatte, gli amori nati e finiti, le citt visitate e vissute fino allalba, le cadute e le risalite, le lacrime versate e i sorrisi ritrovati. E stato un periodo intenso.

Il disco uscito ormai da qualche settimana, hai suonato dal vivo diverse date instore, quindi ti sarai fatto un'idea di come stanno andando le cose. Ti ritieni soddisfatto dei primi risultati e delle prime reazioni?

Sono molto contento della risposta della gente. Non mi aspettavano un calore del genere. Soprattutto perch le canzoni piacciono ad un pubblico che non ha et. Certo la strada ancora lunga, ma passo dopo passo sono certo di poter fare grandi cose.

Musicalmente parlando "Sono qui" un disco abbastanza eterogeneo. Fondamentalmente si tratta di un disco pop, ma dalle molteplici sfaccettature. Alcuni pezzi presentano atmosfere pi intime e acustiche, altri sono un po' pi rock, altri ancora sono pi elettronici e ballabili. Quali sono i punti di riferimento musicali principali di Walter Fontana oggi? Sono in gran parte frutto della tua curiosit o ti rimasta attaccata addosso anche molta della musica che hai respirato in famiglia fin da piccolo, anche grazie al nonno che suonava in una jazz band?

Fortunatamente non mi sono mai posto barriere musicali e ho sempre ascoltato di tutto. Questo mi ha permesso di mantenere una visione della musica molto ampia e di potermi far contaminare anche senza rendermene conto. Al momento sto ascoltando molto Twenty one Pilots, Panic! at the disco, Walk the moon.

I tuoi testi sono molto personali. Per scriverli ti sei messo molto a nudo. Quanto difficile ma anche terapeutico e utile per capire se stessi raccontare in una canzone i propri pensieri e le proprie emozioni? Molti di contro si chiudono in s stessi come mezzo di difesa. Tu non hai mai avuto il timore di esporti e di renderti vulnerabile?

La canzone per me rappresenta il mezzo per poter liberarmi di tutto quello che non riesco a dire a parole. Mi aiuta molto. Certo, raccontare di me vuol dire esporsi, ma significa anche essere sincero con me stesso e con il pubblico e questo secondo me pu far arrivare di pi la musica.

Un tema ricorrente nei tuoi pezzi l'amore, visto da diverse angolature e analizzato da vari punti di vista. Penso che l'amore nel suo senso pi ampio sia il sentimento che muove tutte le nostre azioni. L'amore che fa star bene, talvolta fa soffrire, ma non se ne pu fare a meno... cosa ci puoi dire a riguardo di questo filo rosso che unisce tutti i pezzi del disco?

Come hai detto tu lamore il sentimento che muove ogni cosa. Lamore ha sempre avuto un ruolo importante nella mia vita e perci si riflette costantemente allinterno della mia musica.

"Sono qui", il pezzo che da il titolo all'album, un pezzo molto intenso e molto personale. Ti va di parlarcene?

E il pezzo pi intimo del mio nuovo album e appunto per questo, ho deciso di inserirlo come ultima traccia. In questa canzone affronto il tema della depressione io tutte le paure le butto giu in un sorso ma poi tornano a galla per riscuotere il conto. Anche qui per cerco di vedere il bicchiere mezzo pieno della situazione e dico a me stesso che tutto quello che ho vissuto, compresi i momenti bui, mi ha aiutato a crescere e ad essere qui consapevole di quello che sono oggi.

Abbiamo detto che sei stato fermo un po' di tempo dopo l'esperienza coi Lost. Quando sono nati i pezzi che troviamo nel disco? Sono tutti recenti o hai ripescato qualcosa dal cassetto?

Tutti i brani sono nati in questi ultimi 5 anni. Avevo del materiale scritto nel periodo dei Lost, ma non mi ci rivedevo pi perci ho preferito lasciarli nel cassetto.

Quanto stato determinante l'apporto di Placido Salamone per la buona riuscita del disco? Qual stato il suo contributo?

Placido ha capito sin da subito il sound che volevo per il mio nuovo album e lui semplicemente ha messo a disposizione la sua esperienza per guidarmi e mostrarmi nuove strade che potevo prendere per rendere ancora pi importante questo mio nuovo lavoro. La cosa bella che si creata unalchimia e uno scambio di energie molto forte tra noi e questo ha reso tutto ancora pi magico.

Come sono nate invece le collaborazioni con Giovanni Caccamo, Jethro Sheeran, e anche con Vittorio Brumotti, che ha diretto il tuo ultimo video, una veste in cui in molti non l'avevano ancora conosciuto?

Sono tutti grandi amici e questo stato importante nella realizzazione del nuovo album, perch quando sei sereno e non hai pressioni, hai modo di divertirti di pi e lavorare meglio e questo ti porta a creare le cose migliori. Sono contento ti affrontare questa mia nuova avventura con loro al mio fianco.

Walter, abbiamo quasi finito. Prima raccontaci quali sono i tuoi progetti in cantiere. E' previsto un tour vero e proprio dopo i live acustici di presentazione del disco? Altri progetti in cantiere, anche in prospettiva futura. I tuoi fan dovranno aspettare ancora diversi anni prima di un tuo nuovo lavoro?

Per ora voglio concentrarmi sulla presentazione del nuovo album. Sicuramente con lestate/autunno arriveranno i primi concerti live e nel mentre sto continuando a scrivere nuovo materiale ma ripeto ora voglio godermi questo momento e restare concentrato sul mio obiettivo.

Adesso davvero tutto. Walter, davvero grazie per il tempo che ci hai dedicato e in bocca al lupo per tutto!

Grazie a voi!


Walter Fontana sul web:

www.walterfontana.it
www.facebook.com/walterfontana
www.youtube.com/user/WalterFontanaVEVO
twitter.com/walterfontanaof
www.instagram.com/walterfontana

 

Arretrati

Collabora con noi!

Statistiche

 Statistiche gratis